Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.

info@amazzoniasempreverde.org

 

Amazzonia 501

Amazzonia, il granaio dei Poveri
Amazzonia Sempre Verde / Amazzonia 501

IL PIÙ GRANDE PROGETTO DI RIFORESTAZIONE

A 500 ANNI DALLA SCOPERTA DELLE AMERICHE, GIANFRANCO PAGHERA, DA SEMPRE ATTENTO ALLE PROBLEMATICHE AMBIENTALI E A QUELLE SOCIALI, DA VITA, INSIEME AL PRETE MISSIONARIO GIANNI MOMETTI AD UN PROGETTO NEL PROGETTO. IL GRANDE PROGETTO DI RIFORESTAZIONE AMAZZONIA 501 ABBRACCIA IL SOCIALE PERCHÈ SI CREI UN CICLO DI PRODUZIONE ECOLOGICAMENTE COMPATIBILE E LARGAMENTE SOSTENIBILE

LO SCENARIO

Brasile, un paese sconfinato, coperto per più della metà della sua estensione dalla foresta pluviale. Un ecosistema vasto, complesso e variegato, caratterizzato da un’altissima biodiversità di specie animali e vegetali. Il suo nome questa foresta lo deve alle Amazzoni della tradizione greca, le mitiche donne guerriere discendenti del dio della guerra, Ares. Fu qui che Francisco de Orellana (1511-1546), esploratore e conquistador spagnolo, incontrò – secondo altri ne ebbe solo notizia - una tribù di donne guerriere. Ricordando le mitiche guerriere asiatiche, chiamò il grande fiume che si trovava ad attraversare Rio delle Amazzoni e di conseguenza la foresta Amazzonica. Il Brasile è depositario e custode di questo enorme patrimonio verde, indispensabile alla sopravvivenza dell’intero pianeta. Il cuore della regione è attraversato dal Rio delle Amazzoni, il fiume più lungo del mondo che con i suoi affluenti costituisce anche il più grande sistema idrografico del pianeta per ampiezza di bacino e per portata. Un territorio sempre in pericolo, minacciato dalla deforestazione selvaggia, provocata non solo dalla trasformazione agricola e a pascolo del suolo, ma anche dalle esplorazioni e dalle ricerche di giacimenti petroliferi e miniere metallifere da parte delle società di estrazione. Queste hanno l’obbligo di provvedere al ripristino del territorio disboscato.

L’INTERVENTO PAGHERA

E proprio una di queste società contatta Paghera affidandogli il recupero ambientale di 50.000 ettari di foresta amazzonica. Nasce così il progetto Amazzonia 501: una vera e propria avventura affrontata con la consueta serietà e l’alta professionalità che contraddistingue il gruppo. Un intervento che richiede uno studio approfondito dell’ambiente in cui ci si trova a operare, l’impiego di tecnologie sofisticate e mezzi adeguati. Il primo passo è l’analisi dello stato di fatto: composizione chimica del suolo, studio delle specie autoctone e delle condizioni climatiche. Tutti fattori che consentono di “capire” il luogo e di valutare adeguatamente le specie vegetali che verranno impiegate, dalle piante alte alle erbe piccole.

LA BANCA DEL SEME

Viene quindi organizzata direttamente in loco una Banca del seme, affiancata da un laboratorio tecnologicamente avanzato dove si approfondiscono gli studi sulle piante, prestando particolare attenzione al momento della loro germinazione. I semi selezionati vengono immersi in un composto ecologico di acqua, sostanze naturali e nutritive che favoriscono la contemporanea germinazione di più specie. La miscela ottenuta è ogni volta diversa, dipende dal tipo di intervento, dalle caratteristiche chimico fisiche del terreno e dalle condizioni climatiche del luogo.

LA DISTRIBUZIONE

Il composto viene quindi distribuito per aspersione con l’impiego di mezzi meccanici, per lo più elicotteri. Si viene così a creare un substrato ideale per la crescita delle piante, che germogliano nel medesimo intervallo di tempo e in tempi brevi. Gradatamente il territorio si ripopola di macchie verdi naturali, piccoli ecosistemi in grado di rigenerarsi e crescere fino a diventare foresta, in completa autonomia, seguendo il naturale corso dei cicli della natura, senza bisogno di altri interventi da parte dell’uomo.

Posti di Lavoro

Lavoro per 25.000 famiglie che corrispondono a 100.000 persone

Carbon Credit

1.000.000.000 di dollari di Carbon Credit

Foreste autoctone

1000.000  di ettari di foreste autoctone

Condizioni Climatiche

Miglioramento delle condizioni morfologiche e climatiche

Livello di vita

Inalzamento del livello di vita dello stato

Progetti

Progetti mirati agli stati che utilizzano i carbon credits per abbattere l’inquinamento provocato daCO2